Tre dischi che voglio comprare

dischi

Amo Youtube perché mi permette di sentire le canzoni in modo da poter scegliere i dischi da comprare

In questa piccola guida andrò a parlare dei dischi che io sinceramente reputo interessanti. Dopo aver visto in giro ciò che ci offre il mercato musicale attuale sinceramente non ho potuto non rilevare come ci sono davvero poche opportunità per una persona che ama la buona musica e che vorrebbe, inserendo il proprio cd nel lettore, potersi divertire e godere di una musica di un certo livello. Sinceramente ho letto un pò di articoli anche in rete come per esempio quello di Marshmello, molto interessante anche se ho notato, con mio grande disappunto che non fa dischi ma solo serate e concerti, molto spesso con altri artisti di primo livello sempre nella musica elettronica. Da notare c’è anche la possibilità di avere acquistare la sua linea di abbigliamento. Noterete sicuramente che non vi sono titoli che avete potuto ascoltare al Festival di San Remo.

Vediamo i dischi che voglio acquistare:

Marco Masini – Spostato di un secondo

E’ un disco che crea una cesura con i vecchi lavori sebbene la sua vena poetica e la sua voce graffiante e coinvolgente rimangano intatte.  Sembra essere la voglia di fare introspezione con musica e testi decisamente ricercati e molto coinvolgenti.

Green Day – 8 bit Misfits

Questo è un album particolare e poco conosciuto dei Green Day ma qui non vedrai mai dischi che vengono osannati dai grandi siti e televisioni musicali qui abbiamo il compito di scoprire la musica nella sua forma migliore. L’8 bit music rappresenta la musica presente nei videogiochi di molti anni fa. In questo disco, solo strumentale, c’è la riproposizione dei grandi dischi di questa famosissima band.

 

Tom Morello – The Atlas Underground

 

Da amante della buona musica non potevo certamente non citare l’ultimo album di Tom Morello perché rappresenta probabilmente il migliore chitarrista attualmente in vita ed attivo. Ha suonato in gruppi storici come i Range Against The Machine e gli AudioSlave.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *