Quali sono tre libri sul Salento che non possono mancare nella vostra libreria?

I libri sul Salento sono un’ottima opportunità per leggere dei testi molto interessanti. Sono presenti una serie di interessanti opportunità per coloro che amano l’ottima letteratura internazionale e la storia. Questa terra è stata infatti musa di molti scrittori e di gesta eroiche che hanno scandito il corso della storia in un turbinio di emozioni che vi lasceranno davvero senza fiato. In questa guida alla lettura andremo a parlare di un libro storico Otranto 1480, uno di letteratura Il Castello di Otranto ed uno che unisce la saggistica con la poesia popolare A nuda voce. Canto delle tabacchine in modo da non farci mancare proprio nulla.

I tre libri sul Salento che abbiamo scelto hanno come fil rouge la voglia di esplorare questa terra sotto vari aspetti dalla storia fino alle lotte sociali senza dimenticare le leggende di una terra ricca di fascino. Ecco i libri che vi consigliamo:

  • Otranto 1480. Il sultano, la strage, la conquista: è un resoconto sugli accadimenti che avvennero alla fine del quindicesimo secolo quando i turchi compirono il genocidio del popolo del Salento non portato a termine solo per la morte improvvisa del sultano. Si tratta di una serie di dispacci provenienti da messi e spie provenienti da varie regioni italiane, all’epoca il Granducato di Toscana e Venezia per citare i più importanti;

  • Il Castello di Otranto è da considerare il primo romanzo gotico della storia. Il libro fu scritto intorno alla metà del diciottesimo secolo da Horace Walpole e va a narrare le storie e gli intrighi della Signoria d’Otranto e di quella di Vicenza tra leggende e fantasmi;
  • A Nuda Voce. Canto per le Tabacchine: è un saggio che narra la terribili vita delle tabacchine ovvero le donne e le ragazze che curavano il tabacco dalle piante alla trasformazione sullo sfondo di un Salento e della figura femminile che stavano mutando per sempre. All’interno vi sono anche poesie di lavoratrici.

Il Salento è riuscito ad ottenere l’apprezzamento di un pubblico sempre più vasto diventando in poco tempo un luogo da vivere. Visitare il Salento è davvero un’eccellente esperienza sia d’estate che d’inverno.